• Un modulo innovativo per “abitare” l’emergenza. De Micheli: “Offrire un casa non basta, serve la dimensione sociale”

    Una concezione diversa dell’abitare nell’emergenza, in grado di guardare al futuro e alla dimensione comunitaria, anche dopo un dramma come quello del terremoto.

    Il commissario straordinario per la ricostruzione del terremoto Paola De Micheli ha partecipato a Piacenza alla presentazione del libro 30°HOUSE Abitare tra emergenza e trasformazione: studio per un modulo abitativo temporaneo (autori: Guya Bertelli, Claudio Chesi / curatori: N. Petaccia, M. Roda / Editore: Maggioli / 2017). 

    Nel volumetto viene presentato – attraverso scritti, disegni e immagini – il progetto architettonico, strutturale e tecnologico di un modulo abitativo pensato come abitazione per l’emergenza.

    Al convegno, ospitato dal salone d’onore della Fondazione di Piacenza e Vigevano, hanno partecipato la professoressa Guya Bertelli Politecnico di Milano, coordinatore CdSLM in Sustainable Architecture and Landscape Design, Michele Roda, Politecnico di Milano, assegnista di ricerca , e il professor Dario Zaninelli prorettore del Polo Territoriale di Piacenza.

    Il risultato finale del progetto di 30°HOUSE, inteso come composizione dell’elemento edilizio, è il frutto di un’intensa e ricca attività di ricerca, finanziata Miur e Regione Lombardia, dal titolo Compass House, che il Politecnico di Milano, con il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (DASTU), ha condotto attraverso il supporto di partner esterni legati al mondo dell’impresa e dell’industria edilizia, che si confronta anche con i riferimenti della cultura di progetto tradizionale e contemporanea. Il titolo 30° HOUSE richiama la geometria del modulo e l’inclinazione della sua struttura.

    L’involucro è progettato per coniugare la semplicità realizzativa con la qualità spaziale, le possibili aggregazioni con le prestazioni energetiche. Il testo propone le diverse fasi della progettazione (dal concept alla definizione dell’elemento architettonico) come un racconto articolato e finalizzato a comunicare l’obiettivo principale della ricerca: uno spazio abitativo che possa fornire risposte adeguate alle situazioni di emergenza, diffuse in modo significativo e sempre più frequente nei nostri fragili territori.

    “Il vostro studio parte da un presupposto non scontato e fondamentale – ha affermato Paola De Micheli nel suo intervento – quello che alle popolazioni colpite da un sisma sia offerta la possibilità di continuare a vivere          sul territorio di appartenenza. Oggi nel cratere in Centro Italia dopo il terremoto del 2016, abbiamo oltre 10mila persone ospitate nelle “casette”, le Sae (soluzioni abitative provvisorie)”.

    “La resilienza di una comunità come risposta all’emergenza – ha proseguito – è il cuore del vostro studio. Ma gli aspetti assai interessanti del modulo 30°House sono tanti: come la rapidità di montaggio e di allestimento.

    Una delle lezioni che abbiamo appreso dall’ultimo terremoto in Centro Italia è che non bastano le abitazioni, ma occorre offrire alle persone anche nell’emergenza un modo di abitare. Bisogna creare le piattaforme con l’individuazione delle aree idonee, realizzare le opere di urbanizzazione e i servizi per la dimensione sociale”.

    “Apprezzo dei vostri moduli abitativi la funzione generatrice di quartieri e di luoghi del vivere. La dimensione comunitaria della ricostruzione è fondamentale”.

    “Ogni terremoto è una grande tragedia per le popolazioni, ma la ricostruzione può diventare una grande sperimentazione e prova di innovazione nel campo del costruire e dell’abitare. Anche la filiera dell’edilizia si è svegliata dalla crisi sulla base della domanda nuova creata dalle esigenze del terremoto”.