• “Una manovra per sostenere la crescita” Intervista alla “Gazzetta di Parma”

    Nell’inserto economico della “Gazzetta di Parma” il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Paola De Micheli parla della manovra economica e delle sue ricadute su cittadini e imprese.

    L’intervista è uscita il 23 ottobre firmata da Patrizia Ginepri.

    Ecco il testo:

    Onorevole De Micheli, il governo vara una manovra da 20 miliardi, focalizzata su poche e grandi misure. La soddisfa nel complesso?
    Anzitutto, non c’è aumento dell’Iva e non ci sono nuove tasse. Veniamo da mesi di polemiche su questo argomento, e questa manovra snella e utile è una risposta concreta. È utile perché davvero in grado di sostenere la crescita. Siamo consapevoli che le risorse disponibili sono limitate, ma saranno indirizzate in maniera chiara e puntuale, pertanto l’efficacia sarà altissima.

    Tema centrale è il costo del lavoro per i giovani e i loro salari d’ingresso. Con quali interventi può essere sostenuta l’occupazione?
    E’ una notizia tornare a parlare di ‘occupazione giovanile’ e non più di ‘disoccupazione giovanile’. Significa che siamo di fronte a un cambiamento nel mondo del lavoro, anche grazie a interventi già attivi e voluti dai nostri Governi. Nella manovra c’è una decontribuzione imponente e di natura strutturale, significa che dal 1° gennaio le aziende che assumeranno under 35 avranno uno sconto del 50% sui contributi da versare ai nuovi assunti.

    Sugli effetti del Jobs Act non si placano le discussioni. Qual è il suo giudizio?
    I benefici del Jobs Act sono scritti nei numeri Istat di questi ultimi mesi. La disoccupazione è in lenta discesa, costante è l’espansione dei posti di lavoro. So bene che ci sono ancora tante famiglie che convivono con la mancanza di lavoro, ma ribadisco che l’impegno del Governo su questo è massimo. Senza una riforma seria come il Jobs Act oggi non saremmo in grado di beneficiare di un ritorno alla crescita.

    Altra questione fondamentale riguarda il “pacchetto imprese” per dare slancio alla competitività in un mercato globale sempre più agguerrito.  Quali sono gli incentivi messi in campo? 
    Uno degli obiettivi chiave della Legge di Bilancio è il sostegno alla competitività delle imprese. Anche in questo caso il Governo ha scelto provvedimenti concreti, che hanno già funzionato in passato, i superammortamenti, gli ecobonus per l’edilizia e la sismica. Tra le misure innovative, il bonus verde per i privati che svolgono lavori di sistemazione di terrazze e giardini aiuterà a far emergere il sommerso e migliorerà la qualità urbanistica.

    Nel suo libro, scritto a sei mani con Imbruglia e Misiani “Se chiudi ti compro” il tema delle politiche attive del lavoro è centrale. Qual è il messaggio che volete far passare?
    Nel nostro libro riproponiamo un modello “antico” che si rivela modernissimo. Perché prova a trasformare le politiche assistenziali in sviluppo. Sono dieci storie di imprese rigenerate dai lavoratori, nate dalla loro volontà di unirsi per mantenere viva l’azienda. Portiamo esempi concreti di riscatto rese possibili dalla passione e dall’impegno dei lavoratori.

    Il governo sostiene l’industria 4.0. Perché è così importante?  Non crede che tecnologia e robotica riservino anche molte incognite per il sistema produttivo?
    Il Paese che abbiamo in mente è orientato al futuro e non ha timore del cambiamento. Industria 4.0 non si propone di “robotizzare” il mondo produttivo, ma offre una serie strumenti tecnici per rilanciare il lavoro e l’impresa e quindi per valorizzare le persone che la fanno. Accanto a Industria 4.0 c’è il pacchetto sulla formazione per offrire uno strumento ai lavoratori che in maniera permanente devono accompagnare il cambiamento.

    Parliamo del settore pubblico, quali sono le prospettive previste dal contratto? 
    Abbiamo mantenuto nella Legge di Bilancio l’impegno preso con organizzazioni sindacali e lavoratori per il rinnovo dei contratti del pubblico impiego, significa garantire 85 euro di aumento ai 3,2 milioni di statali. La dote è di 2,6 miliardi, dopo un decennio nel quale questa voce è stata pari a zero.

    Resta il nodo del debito pubblico…
    La manovra si colloca nel solco delle precedenti. Solo con il rafforzamento della crescita e il consolidamento della finanza pubblica, il deficit può diminuire. Come certificato dall’Istat, prevediamo che anche l’indebitamento continui a scendere.

    Lei è commissario alla ricostruzione dopo il terremoto, il governo si è posto l’obiettivo di velocizzare le iniziative a sostegno delle popolazioni del centro Italia. In che modo?
    Abbiamo preparato un provvedimento legislativo, anche grazie anche al supporto di Anac, per accelerare la ricostruzione degli edifici pubblici strategici. Daremo gli strumenti necessari per poter fare le gare d’appalto con procedura negoziata, già presente nel codice degli appalti. È la più veloce che possa essere utilizzata. Sulla ricostruzione pubblica, invece, stiamo intervenendo in via amministrativa per mettere a terra l’importante eredità di Errani.

    I rapporti con l’Ue e con i Paesi membri. Quale sarebbe la prima azione auspicabile?
    Oggi c’è bisogno di più Europa e occorre lavorare per rilancio dell’Unione. L’azione dei nostri Governi ha restituito una credibilità all’Italia nel contesto europeo: penso all’azione del ministro Minniti per contrastare il traffico disumano di persone nel Mediterraneo e al rigore del Ministro Padoan nella stabilizzazione finanziaria.

    Le imprese del nostro territorio hanno retto alla crisi grazie soprattutto all’export. Come sostenere il made in Italy?
    La provincia di Parma è fra le più internazionalizzate, ma occorre portare le imprese in maniera più stabile sui mercati esteri. Soprattutto quelle realtà che non possiedono le capacità manageriali per andare da sole oltre i confini. Con i progetti del Ministro Martina e del Ministro Calenda, lo Stato si è assunto il ruolo di fornire servizi e accompagnamento per accrescere il volume di affari all’estero.